• 06.25.71.988
  • tiricofrancesca@libero.it

I miei compagni di liceo: un meraviglioso percorso insieme

I miei compagni di liceo: un meraviglioso percorso insieme
Venerdì, 01 Dicembre 2017 12:46 Scritto da Anpamm.it

“Conosco Francesca Tirico dal primo anno di Liceo Scientifico, precisamente dal 2001, e fin dal primo
momento sono rimasta colpita dalla sua forza d’animo e dal suo carattere combattivo.

Francesca da sempre lotta per guarire e sconfiggere la sua malattia, una rara malattia metabolica che a
causa della carenza enzimatica della adenilsuccinatolasi, le impedisce di controllare volontariamente il suo
corpo. La malattia le causa crisi convulsive, ma NON le impedisce di utilizzare il suo intelletto. 
Fin dai tempi della scuola Francesca ha dimostrato le sue elevate capacità cognitive. Nel corso della nostra
amicizia ho avuto la possibilità di leggere alcune delle sue poesie che esprimono le sue riflessioni e i suoi
stati di animo. Poesie che conservo gelosamente ancora oggi. Proprio per questa ragione, quando ci
vediamo, mi piace definirla la ‘saggia’ del nostro gruppo di amici, perché riesce sempre a darci i consigli più
preziosi sulla vita di tutti i giorni. Nonostante ciò, Francesca deve ogni giorno affrontare il pregiudizio delle
persone che ritengono che la sua sia una malattia cognitiva, senza avere la minima idea della sua grande
intelligenza. Quando frequentavamo la scuola superiore, Francesca era una delle più brave della classe,
tanto che ognuno di noi compagni di classe, ricorrevamo al suo aiuto per svolgere correttamente le versioni
di latino. Terminata la scuola, Francesca ha deciso di intraprendere il percorso di studio Universitario,
scegliendo come Facoltà quella di Medicina. Grazie alla sua intelligenza è riuscita a studiare, memorizzare e
sostenere esami di materie difficili, quali per esempio Biochimica, pur non avendo la capacità di scrivere (se non facilitata). La
sua scelta universitaria è stata dettata dalla volontà di capire la malattia e dalla speranza di guarire. Nella
speranza che riesca a concludere il suo percorso universitario, nonostante i continui e inutili ostacoli che le
vengono posti, voglio concludere la mia testimonianza citando una sua poesia scritta per Natale.

Giorno Rasserenante 

Tristezza e ansia 
Non ristagnano 
nei cuori Illuminati
dalla gioia rasserenante
della speranza nata 
dalla tua nascita.
Il mondo rigenerato
Dall’amore 
Lascia isolato pianto e dolore
Nessuno deve essere 
Più lasciato solo
Nel difficile cammino della Vita.
-Francesca Tirico-

Con Affetto Laura Nisini”
Roma, 09/11/2017

 

Invia il messaggio